Esplora

    Itinerario "Saluzzo ottocentesca"

  • Racchiusa dentro le mura dal 1370, a partire dal XVIII secolo, venute meno le esigenze difensive, le costruzioni di Saluzzo iniziarono ad abbandonare l’area collinare in favore delle zone basse della città. Il nuovo sviluppo urbanistico si consolidò con la creazione dei quartieri ottocenteschi: le nuove costruzioni servirono da un lato quale biglietto da visita di una città che allora godeva del rango di capoluogo di provincia e dall’altro quale sede ideale per servizi a favore della collettività, come ad esempio i nuovi macelli e il peso pubblico. I successivi ampliamenti del Novecento hanno creato numerosi spazi commerciali, occupati non soltanto da negozi, ma anche da strutture ricettive e di ospitalità.

    Un itinerario ideale non può che avere inizio da Piazza Risorgimento, da sempre il centro delle attività commerciali. Sorta dalle successive modificazioni apportate all’antico rivellino (fortificazione eretta a protezione della porta della città alta) fino agli anni Sessanta ha ospitato il tipico mercato delle acciughe. A lato della piazza la Porta di S. Maria (rifacimento del 1792) presenta un frontone ricco di stucchi e un affresco della Vergine all’interno dell’arco.

    Percorrendo i portici di Corso Italia, sorti verso la fine del ’700 sul luogo delle antiche mura trecentesche, si giunge in Piazza Vineis, dove fa bella mostra di sé il monumento a Silvio Pellico. Di fronte al monumento prende avvio la strada intitolata allo scrittore risorgimentale: fu edificata nel 1856 per collegare scenograficamente la nuova stazione ferroviaria all’asse viario di Corso Italia. Nell'adiacente piazzetta Denina, sorge il monumento a Carlo Denina (1874), che ricorda l'illustre storico nato a Revello.

    Proseguendo lungo via Silvio Pellico si giunge in Piazza Cavour, l'antico scalo ferroviario. L'edificio della stazione (1856-57) è oggi sede dell'ufficio delle Entrate. Nel 1879 un parte della piazza venne coperta con una tettoia metallica (detta “ala di ferro”).

    Vicina è Piazza Garibaldi, realizzata nel 1802 sul sito dell’antico cimitero dietro la cattedrale. Attraverso Via Ludovico II si ritorna in piazza Risorgimento. Attorno alla piazza sono degne di interessi via Deportati Ebrei, sede dell’antico ghetto ebraico e della relativa sinagoga, e via Spielberg, così intitolata a ricordo del carcere reso celebre da Pellico. Davanti all'Ospedale, in Piazza Dante, si erge il monumento dedicato al celebre tipografo Giovambattista Bodoni, nato a Saluzzo nel 1840. Alle spalle della statua si trova l'asilo infantile, fondato nel 1841 - il primo in Piemonte – e successivamente intitolato alla Regina Margherita. Percorrendo via Piave – che prende avvio di fronte all’ingresso dell’ospedale – si raggiunge la Piazza Cavalieri di Vittorio veneto, su cui si affaccia l’attuale stazione ferroviaria.

  • Compila il form sottostante per ricevere informazioni.






       Desidero ricevere informazioni tramite posta elettronica sulle novitÓ e sulle offerte della Saluzzo ComunitÓ Ospitale
       Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 e seguenti modifiche*